Archivio

Archive for gennaio 2012

La rivolta dei forconi: lo stai facendo nel modo sbagliato

gennaio 21, 2012 1 commento

Un sogno può avvelenare un’anima, un sol pensiero involontario può corrompere una volontà. (G.D’Annunzio)

UPDATE: aggiunto link che dimostra le relazioni tra il Movimento dei Forconi e Forza Nuova. Aggiunto punto 4 sulla scissione di Ferro-Scarlata-Richichi dal movimento dei forconi di Morsello.

UPDATE 2: aggiunto video di saviano sulla mafia

scaffali vuoti

Scaffali in un supermercato di una grande città siciliana al terzo giorno di blocco

Qualche giorno fa ho scritto circa l’inizio della rivolta dei forconi con molto entusiasmo: avevo visto nel movimento genuinità, spontaneità e sincera voglia di cambiamento. Un po’ mi ricordava  la primavera araba. Migliaia di giovani decisi a cambiare il corso della storia, a scommettersi in prima persona, a coordinarsi tramite gli strumenti del web 2.0, a non accettare nessun compromesso fino alla capitolazione dei propri tiranni… Fino a che le persone che avevano determinato il prosciugamento delle speranze delle nuove generazioni non fossero state rese inermi, o peggio, non respiravano più. Nel pacifismo dell’inizio del blocco avevo visto l’evoluzione delle primitive rivolte della primavera araba in una rivolta bianca, senza armi, se non i forconi simbolici…

Gli intenti del video di Onofrio Carrubba Toscano, ovvero di protesta di cinque giorni per le dimissioni degli infami che siedono al governo regionale, compreso il governatore, mi sono sembrati giustissimi e, parlando al telefono con mia mamma, dicevo: “Guarda mamma! stanno chiedendo quello che vi dicevo a Pasqua! che la situazione era insostenibile e che queste persone continuavano a prosciugare il futuro di ogni giovane in sicilia a causa delle raccomandazioni, caste e clientelismi”. Gli intenti originari della rivolta sono sacrosanti e li condivido pienamente: bisogna cacciare la classe politica siciliana e nazionale attuale. Un vecchio detto dice che chi ha causato i problemi non può risolverli. Credo fermamente in questa frase ed avevo visto nella rivolta esattamente questi intenti.

Purtroppo però le mie attese sono state deluse già dopo il terzo giorno di rivolta. Una volta sensibilizzata la popolazione con i blocchi che hanno e stanno creando non pochi disagi, raggiunta la massa critica e la visibilità mediatica, bisognava colpire al cuore il sistema corrotto che ha portato a questa situazione: le dimissioni di tutti i rappresentanti del governo regionale che non sono stati in grado in 20 anni di promuovere una politica di sviluppo per la sicilia intera. Invece no, tutto questo non è successo. C’è stato un incontro tra i rivoltosi ed il governatore ed i rivoltosi sono tornati a casa, aggiungerei con la coda tra le gambe, con una promessa di un dialogo tra il governatore Lombardo ed il presidente del consiglio il prossimo mercoledì. Wow, mi sono detto! Questi fanno proprio sul serio! La verità è semplice: neppure chi protesta potrà risolvere la situazione perchè sono anche loro, indirettamente, i responsabili del loro stesso declino. Se il problema è la classe politica, e questo è appurato, chi ha eletto questa classe politica? Gli stessi rivoltosi! Sono stati loro ad eleggere Lombardo & co con i loro voti. Perchè non si sono fatti scrupoli quando hanno venduto il loro voto per 50/100E?

Mi è sembrato poi molto buffo il fatto che si protestava contro Lombardo & co ed adesso questa persona è diventata il salvatore della causa dei rivoltosi. Ma diamine! La Sicilia è una regione a statuto speciale e trattiene il 100%, badate, 100%, delle imposte! Se la benzina costa di più in Sicilia che in Lombardia è perchè oltre alle tasse del governo nazionale ci sono le tasse del governo regionale. Ovvero tasse stabilite proprio dal governo Lombardo che adesso si fa portavoce della protesta! E’ assurdo come gli intenti originari della rivolta siano stati travisati.

Ma a parte quello che si poteva o meno fare, vorrei analizzare punto per punto perchè la protesta sta solo creando disagi alla popolazione e non cambierà niente. Da qualche giorno cerco di far ragionare le persone che aderiscono alla rivolta che sembrano aver perso il lume della ragione per l’euforia della protesta e dello spacchiamo tutto che non condivido affatto. Di seguito in grassetto copierò le loro opposizioni e le mie risposte.

1) I blocchi stradali sono l’unico modo per farci sentire, far valere le nostre ragioni e far cambiare le cose.

Falso. Bloccare le strade crea disagi alla popolazione. Giungono notizie che operazioni chirurgiche sono sospese per mancanza di materiale sanitario, la farina è finita nel mio paese, Caltagirone, e molto panettieri sono chiusi. Anche le grosse distribuzioni hanno finito le scorte di viveri. Nonostante ciò questi, scusatemi il termine, mentecatti, annunciano che faranno altri 7 giorni di blocco. Inoltre questi blocchi aggravano la difficile economia siciliana. Chi produce prodotti, di qualisasi genere, agricolo e non, ed aveva consegne e scadenze è completamente fermo, a fine mese avrà problemi a pagare li stipendi ai dipendenti. Mia sorella è bloccata a Ragusa ed è impossibilitata nel raggiungere la mia famiglia. Tantissimi studenti non possono raggiungere più le scuole perchè i collegamenti, tramite autobus, sono interrotti perchè manca il gasolio. E pensare che solo tramite la cultura e la conoscenza la Sicilia può migliorare la propria condizione socio-economica. I blocchi stanno solo affamando la popolazione e non stanno risolvendo il problema: il cattivo governo regionale e nazionale che da 20 anni non ha previsto un politica di sviluppo concreta libera da clientelismi e favoritismi.

2) Monti ha alzato le tasse ed il costo della benzina e non siamo in grado di pagarle

Vero. Monti ha alzato le tasse, ma perchè? Eravamo sull’orlo del baratro: il fallimento della nazione. Non possiamo permetterci che una cosa del genere avvenga a meno che non si voglia tornare indietro di 50 anni, nel dopoguerra, da un giorno all’altro. Se l’Italia falliva non avremmo avuto più: moneta, ospedali, comuni, polizia, carabinieri, vigili urbani, vigili del fuoco. Monti doveva sistemare i conti pubblici italiani e doveva rendersi credibile all’estero per evitare il fallimento. Il modo più veloce per fare questo è alzare le tasse. punto. E’ sta funzionando. Non siamo più a rischio fallimento come la Grecia, dove già gli ospedali sono chiusi, e lo spread, che indica la probabilità che falliamo (scusate la semplificazione spicciola) è finalmente sceso a 430 ieri. Nell’epoca Berlusconi era a 540. Monti sta riparando a 20 anni di Berlusconismo che hanno fatto indebitare lo stato fino alla stratosferica cifra di 1999 miliardi di euro. E ci sta riuscendo. Inoltre la lotta agli evasori, vedi caso cortina, è atta proprio a combattere l’evasione e a reperire nuove risorse in modo da abbassare le tasse che sono state necessarie per evitare il fallimento. Se volete che le tasse siano abbassate, cari rivoltosi, chiedete lo scontrino. Inoltre il decreto ultimo sulle liberalizzazioni, che permette anche di creare una azienda, guidata da giovani, a capitale sociale di 1E  (significa che devo versare allo stato 1E per creare una azienda), vuole stimolare lo sviluppo. E’ solo grazie alla lotta alla evasione e allo sviluppo che possono essere trovate quelle risorse che aggiunte al bilancio dello stato possono ridurre la pressione fiscale e quindi le tasse che tanto agitano i rivoltosi.

3) Chi protesta lo fa per la Sicilia e perchè è stufo di sopportare. Nel movimento non ci sono mafiosi e infiltrazioni politiche. Chi obbliga i negozianti a protestare lo fa per la rivolta e non per intenti mafiosi.

Niente di più falso. Siamo sicuri che bloccare i rifornimenti in ingresso ed i prodotti in uscita aiuti l’economia siciliana? Pensate a tutti quei prodotti agricoli che in questi giorni si stanno deperendo e che andranno invenduti. Pensate a tutte quelle aziende eccellenti italiane che avevano scadenza con compratori esterni. I vini, gli oli, i cibi esportati. Questo blocco sta impoverendo la già fragile economia siciliana senza rimuovere la classe dirigente che è stata causa indiscussa del problema. Inoltre i fatti parlano chiaro di come il movimento dei forconi sia stato travisato e sovverchiato da gruppi di estrema destra come Forza Nuova. Nella pagina facebook del movimento infatti sono apparsi i nomi dei referenti per Puglia, Calabria e Lazio, tutti membri di Forza Nuova. Martino Morsello, leader del movimento dei forconi, il 10 dicembre 2011 interveniva al congresso nazionale di Forza Nuova dicendo che lui parlava solo a Forza Nuova e che ne condivide la voglia di cambiamento. Ecco qui il video:

Ricordiamo che forza nuova è un partito neofascista, partito che fa della violenza e della rivoluzione la sua esistenza e youtube è colmo di video di militanti di forza nuova che picchiano altre persone perchè sono semplicemente diversi da loro nel colore della pelle  o nel pensiero.

Ieri, a Caltagirone e credo in molte altre città dell’isola, dei rivoltosi sono entrati sicuramente in tre dei più grandi negozi del paese intimidando la serrata per aderire alla rivolta. Da quanto in qua obbligare le persone a non lavorare è normale? L’atteggiamento intimidatorio della persona che dice: “o chiudi il negozio o ti spacco le vetrine” è diversa sa chi dice: “o paghi il pizzo o ti spacco le vetrine”? Questi sono metodi mafiosi! Che ci siano anche infiltrazioni mafiose nel movimento, non di tutto badate bene, lo ha attestato anche Ivan Lo Bello, presidente di confindustria Sicilia come documentato nella telefonata con il quotidiano repubblica. E stiamo parlando di una di quelle associazioni che per prima ha denunciato la mafia ed il pizzo che pagavano gli imprenditori in Sicilia. Mafia o non mafia, i metodi della rivolta sono oggettivamente mafiosi. Con questo non voglio dire che la mafia è solo in Sicilia e nel Movimento dei Forconi, sarebbe falso, la mafia, intesa come qualsiasi organizzazione criminale che fa dell’intimidazione e del pizzo le sue fondamenta, è ormai permeata nella politica nazionale, al nord come al sud.

Roberto Saviano alle invasioni barbariche ha parlato di come la mafia possa infiltrarsi in qualsiasi tipo di sommossa popolare. Ecco il video:

4) E’ vero che c’erano state infiltrazioni di Forza Nuova ed infatti il movimento si è dissociato e ha creato la pagina facebook Movimento dei forconi Ferro-Scarlata Pagina Ufficiale. Ferro e Scarlata non sono affiliati a nessun partito politico e promuovono una protesta genuina.

Falso. Come dimostrato dal quotidiano repubblica che in un articolo web della sottosezione di Palermo intitolato Paralizare l’isola danneggia solo noi, Mariano Ferro è un imprenditore agricolo di Avola e capo del movimento dei Forconi (strano, i domini movimentodeiforconi.com/it appartengono a Martino Morsello di cui abbiamo discusso al punto precedente i legami con Forza Nuova). I due, che probabilmente erano promotori della rivolta si sono dissociati quando Martino Morsello ha stretto i legami del Movimento dei Forconi con Forza Nuova.

Ad ogni modo Mariano Ferro ha delle militanze in Forza Italia e, recentemente, in MPA [movimento per l’autonomia siciliana, ndr]. Giuseppe Richichi ha guidato la feroce serrata dei camion del 2000 ed è stato sempre simpatizzante proprio di Martino Morsello! Quindi tutte queste persone hanno militato negli stessi partiti che dominano la Sicilia negli ultimi 20 anni. Sono quindi loro stessi la causa della situazione odierna. Chi ha causato i problemi può a rigor di logica risolverli?

5) Noi facciamo tutto questo perchè siamo arrabbiati e perchè ci hanno tolto il futuro.

Vero! siete arrabbiati. Ma la situazione che ci ha portato a questo non è frutto degli ultimi 2 mesi (governo Monti) ma sono 20 anni di non-governo Berlusconi. Guardate questo video per capire che cosa è successo e sta succedendo.

Critiche, altre domane, commenti, suggerimenti sono ben accetti e non verranno censurati. Se questo articolo vi è piaciuto e anche voi credete che i blocchi siano un disagio solo per la popolazione fate un like alla pagina facebook del Movimento dei Forconi: Lo stai facendo nel modo sbagliato o alla pagina google+ di Movimento dei Forconi: lo stai facendo male

La rivolta dei Forconi

gennaio 18, 2012 1 commento

Nel più assordante silenzio dei media, definiti pubblici, nazionali, da due giorni in Sicilia sta succedendo qualcosa di impensabile fino a qualche mese fa. Chi conosce i siciliani lo sa bene: sono in grado di sopportare bene i soprusi, hanno poche pretese e soprattutto, pensano che il mondo non cambierà mai. Proprio con quest’ultimo modo di pensare mi sono sempre scontrato, in fondo, non l’ho mai neppure accettato. E’ per questo che sono emigrato al Nord, per fare quello che tutti mi dicevano era impossibile: pensare con la mia testa, dire la mia, provare a cambiare ciò che vedevo storto.

Due giorni fa, quasi per caso, visualizzo un video…

Non credevo che tutto quello che diceva il Sig.Onofrio avrebbe mai trovato fattibilità dato l’ambizioso piano di bloccare una regione, come la Sicilia, grandissima e governata da politici pronti a placare il popolo curandosì del solo fatto che il loro portafogli si gonfi adeguatamente. Eppure la rivolta è iniziata… La fame sta portando queste persone a protestare contro la mancanza di prospettive che la cattiva politica, siciliana in primis, nazionale successivamente, ha totalmente strappato a queste persone.

Oggi siamo al secondo giorno della rivolta, la sommossa popolare si è allargata fino in Calabria e si crede che già domani arriverà a Napoli. Il malessere non è quindi solo siciliano, ma è di ogni italiano, contro la speranza che la cattiva politica ed il malaffare hanno cancellato dal volto delle persone.

E’ un fatto che oramai da anni i campi in Sicilia sono incolti. Il granaio d’Italia non è più produttivo. Non conviene più produrre. Il trasporto costa più che raccogliere i frutti della terra e rende i prodotti siciliani, comprese le eccellenze mondiali, non competitivi nel mercato globale.

Ma perchè è successo tutto questo?

In questo ventennio abbiamo eletto come rappresentanti europee persone incompetenti che perdevano le elezioni nazionali e trovavano rimpiazzo in quelle europee. Questi infami, come direbbe un siciliano, campioni di assenze al parlamento europeo e di rimpinguamento del proprio portafoglio, non hanno giocato il ruolo che gli italiani si meritavano nella decisione delle quote di produzione portando economie che si basano sull’agricoltura e pastorizia, come quella siciliana, al lastrico. Il grande debito pubblico e le tasse per controllare la spesa hanno poi esasperato la situazione fino ai nostri giorni.

Tuttavia reputo che sia solo populismo dare la colpa al governo Monti che invece, fuori dal gioco della politica marcia, sta ridando voce all’Italia a livello nazionale e sta facendo riapprezzare lo stivale ai mercati internazionali. Le liberalizzazioni annunciate vanno nella giusta direzione per assicurare il libero mercato ed una potenziale crescita della nazione.

La rivoluzione dei forconi è giusta ma non deve generare nel populismo o nella violenza. E’ inutile dire che la rivoluzione non ha valenza politica, essa la ha eccome! E’ un movimento atto a sovvertire il corso politico seguito fino ad oggi. Ed è giusto che sia così! E’ proprio questo che la Sicilia, come l’Italia intera ha bisogno. C’è sete di discontinuità politica. Come dice il sig.Onofrio è il tempo che queste troppe persone incompetenti vadano a casa e che vengano rimpiazzate da persone pagate meno e con la voglia di amministrare la res publica.

Sono convinto che per perseguire questo scopo è fondamentale che i soldi siano tolti dalla politica , che il numero e lo stipendio dei parlamentari sia ridotto drasticamente.

Ma affinchè ciò accada la rivolta dei forconi deve trovare dei leader capaci di far valere la propria opinione, deve elaborare un piano atto al cambio di quella politica marcia che ha portato il Paese allo stremo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: