Home > Politica > La rivolta dei Forconi

La rivolta dei Forconi

Nel più assordante silenzio dei media, definiti pubblici, nazionali, da due giorni in Sicilia sta succedendo qualcosa di impensabile fino a qualche mese fa. Chi conosce i siciliani lo sa bene: sono in grado di sopportare bene i soprusi, hanno poche pretese e soprattutto, pensano che il mondo non cambierà mai. Proprio con quest’ultimo modo di pensare mi sono sempre scontrato, in fondo, non l’ho mai neppure accettato. E’ per questo che sono emigrato al Nord, per fare quello che tutti mi dicevano era impossibile: pensare con la mia testa, dire la mia, provare a cambiare ciò che vedevo storto.

Due giorni fa, quasi per caso, visualizzo un video…

Non credevo che tutto quello che diceva il Sig.Onofrio avrebbe mai trovato fattibilità dato l’ambizioso piano di bloccare una regione, come la Sicilia, grandissima e governata da politici pronti a placare il popolo curandosì del solo fatto che il loro portafogli si gonfi adeguatamente. Eppure la rivolta è iniziata… La fame sta portando queste persone a protestare contro la mancanza di prospettive che la cattiva politica, siciliana in primis, nazionale successivamente, ha totalmente strappato a queste persone.

Oggi siamo al secondo giorno della rivolta, la sommossa popolare si è allargata fino in Calabria e si crede che già domani arriverà a Napoli. Il malessere non è quindi solo siciliano, ma è di ogni italiano, contro la speranza che la cattiva politica ed il malaffare hanno cancellato dal volto delle persone.

E’ un fatto che oramai da anni i campi in Sicilia sono incolti. Il granaio d’Italia non è più produttivo. Non conviene più produrre. Il trasporto costa più che raccogliere i frutti della terra e rende i prodotti siciliani, comprese le eccellenze mondiali, non competitivi nel mercato globale.

Ma perchè è successo tutto questo?

In questo ventennio abbiamo eletto come rappresentanti europee persone incompetenti che perdevano le elezioni nazionali e trovavano rimpiazzo in quelle europee. Questi infami, come direbbe un siciliano, campioni di assenze al parlamento europeo e di rimpinguamento del proprio portafoglio, non hanno giocato il ruolo che gli italiani si meritavano nella decisione delle quote di produzione portando economie che si basano sull’agricoltura e pastorizia, come quella siciliana, al lastrico. Il grande debito pubblico e le tasse per controllare la spesa hanno poi esasperato la situazione fino ai nostri giorni.

Tuttavia reputo che sia solo populismo dare la colpa al governo Monti che invece, fuori dal gioco della politica marcia, sta ridando voce all’Italia a livello nazionale e sta facendo riapprezzare lo stivale ai mercati internazionali. Le liberalizzazioni annunciate vanno nella giusta direzione per assicurare il libero mercato ed una potenziale crescita della nazione.

La rivoluzione dei forconi è giusta ma non deve generare nel populismo o nella violenza. E’ inutile dire che la rivoluzione non ha valenza politica, essa la ha eccome! E’ un movimento atto a sovvertire il corso politico seguito fino ad oggi. Ed è giusto che sia così! E’ proprio questo che la Sicilia, come l’Italia intera ha bisogno. C’è sete di discontinuità politica. Come dice il sig.Onofrio è il tempo che queste troppe persone incompetenti vadano a casa e che vengano rimpiazzate da persone pagate meno e con la voglia di amministrare la res publica.

Sono convinto che per perseguire questo scopo è fondamentale che i soldi siano tolti dalla politica , che il numero e lo stipendio dei parlamentari sia ridotto drasticamente.

Ma affinchè ciò accada la rivolta dei forconi deve trovare dei leader capaci di far valere la propria opinione, deve elaborare un piano atto al cambio di quella politica marcia che ha portato il Paese allo stremo.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. gennaio 21, 2012 alle 2:09 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: